Quando si parla di pavimentazioni per esterni, ci si riferisce generalmente a soluzioni drenanti ideali virtualmente per qualunque tipo di ambiente residenziale: cortili, villette, condomini e via discorrendo.

In linea generale, nel momento in cui il professionista si trova a progettare o a dover riqualificare una pavimentazione esterna, il miglior corso d’azione è quello di favorire un pavimento drenante. Le pavimentazioni drenanti per esterne offrono infatti la garanzia di evitare pericolosi e insalubri ristagni di umidità e di mantenere la superficie il più possibile asciutta.

I vantaggi delle pavimentazioni drenanti per esterni

Scegliere soluzioni drenanti per la pavimentazione di cortili o aree esterne porta con sé una serie innegabile di vantaggi, primi fra tutti lo smaltimento ottimale dell’acqua, in special modo quella meteorica, e l’eccellente rapporto qualità/prezzo.

Va inoltre considerato l’importante aspetto della sicurezza: una pavimentazione drenante per esterno è, per sua natura, decisamente più sicura da percorrere durante temporali e acquazzoni, e dunque ridurrà in modo sensibile il rischio di scivolamento o caduta per gli abitanti. Al contrario, pavimentazioni non drenanti provocano un convogliamento dell’acqua in particolari punti di dispersione, senza garantire nessuna distribuzione uniforme, e dunque incrementano il pericolo di incidenti per i passanti.

Altri vantaggi garantiti dalle pavimentazioni drenanti per esterni includono la loro ecocompatibilità, garantita dal fatto che assorbendo l’acqua ne provocano la permeazione e il deflusso nel substrato sottostante, il cosiddetto “effetto prato” nella distribuzione della pioggia, e un’alimentazione più naturale e costante delle falde acquifere.

A questo, va poi sommato il microclima favorevole che le pavimentazioni drenanti creano attraverso il loro strato impermeabile che, per sua natura, tende ad accumulare (e dunque successivamente a rilasciare) meno calore e a far respirare meglio il terreno sottostante.

Infine, i pavimenti drenanti non necessitano di particolare manutenzione e garantiscono una lunga durata nel tempo.

Realizzare una pavimentazione drenante per esterni:
i consigli di IPM Italia

Nella realizzazione di pavimentazioni drenanti per esterni, un’eccellente opzione è quella di evitare l’utilizzo di ghiaia, ghiaino o graniglia sciolta. Questo tipo di scelta risulterebbe infatti decisamente scomoda e non performante, poiché gli inerti resterebbero costantemente attaccati a pneumatici e suole di scarpe.

Senza contare l’inevitabile problema dello spostamento e della movimentazione della ghiaia sulla superficie del pavimento, che risulterebbe in questo modo non più uniforme. Inevitabilmente, tale scelta porterebbe anche alla formazione di piccole buche e pozzanghere, in particolar modo nelle aree depauperate della giusta quantità di inerti. Si pensi ad esempio ai parcheggi, spazi in cui i veicoli e il loro carico sono in costante movimento: frenature e sterzature continuerebbero inevitabilmente a erodere il pavimento.

Per questa ragione, riteniamo che al fine di evitare le criticità di cui vi abbiamo appena parlato, la migliore soluzione in termini di pavimentazioni drenanti all’aperto sia rappresentata da IPM GeoDrena® che, diversamente dai classici pavimenti in resina dei parcheggi, non lega le graniglie con resina epossidica e/o poliuretanica ma con un legante ecocompatibile studiato e prodotto direttamente da IPM Italia.

Nella realizzazione di pavimentazioni esterne in graniglia, seguiamo il committente in ogni fase del progetto, dalla produzione alla posa, dando vita a eccellenti pavimentazioni drenanti per parcheggi, cortili, aree residenziali, viali e vialetti, camminamenti, piazze e virtualmente qualunque altra superficie esterna necessiti di performance evolute.

Contattateci per una consulenza dedicata.